Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la vostra esperienza e offrire servizi in linea con le vostre preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

ITALIA

La storia del Regnum Mariae, dal suo inizio, nel 1959, al 1990, anno dell’apertura internazionale, è essenzialmente “storia italiana”.

Infatti è nel Gruppo Giovanile dell'Ordine Secolare dei Servi di Maria, presso la parrocchia del Sacro Cuore di Ancona (Italia), che ebbe inizio l’Istituto.

Da quel primo gruppo, ancora poco organizzato, ma ricco di entusiasmo, si cominciò a trasmettere la bellezza del dono ricevuto che trovò accoglienza concreta in giovani di località vicine e, a poco a poco, più lontane: affascinava intensamente la consapevolezza che, con la grazia di Dio, si poteva vivere l’ordinario in modo straordinario, in mezzo alla gente di tutti i giorni, di tutti gli ambienti, nella condivisione delle quotidiane fatiche, gioie, sofferenze.

Ed è in Italia che, negli anni settanta, avvenne il primo confronto per una definizione delle linee essenziali del carisma, a partire dai vissuti di ciascuna, dal clima di rinnovamento conciliare, dal dibattito con gli altri Istituti Secolari ed in particolare con le altre componenti della Famiglia dei Servi. Così nacque la prima Regola di Vita.

Attualmente il “Regnum Mariae” d’Italia comprende 36 sorelle di Incorporazione Definitiva, una con incorporazione temporanea, due ancora nel cammino di formazione e due Membri Associati.

È presente in varie regioni ed è organizzato in gruppi: Gruppo Nord (Friuli, Veneto, Emilia), Gruppo Pesaro (Marche e Romagna), Gruppo Ancona (Marche, Abruzzo, Lazio), Gruppo Sud (Puglia e Basilicata), Gruppo Sicilia.

In Italia, nell’agro di Candia (Ancona), si trova, in una piccola casa colonica ristrutturata, la sede ufficiale dell’Istituto. Si svolgono qui gli incontri del Consiglio Generale, quelli delle Responsabili d’Italia, incontri di vita fraterna e di accoglienza anche delle sorelle che vengono da altri Stati, ma anche è aperta ad altre realtà e piccoli gruppi che vogliono trascorre alcuni giorni di riflessione e riposo per l’anima e il corpo a gestione autonoma. Inoltre, occasionalmente, la casa è anche utilizzata per incontri finalizzati alla conoscenza della vocazione e della spiritualità propria dei laici consacrati negli Istituti Secolari e per momenti di fraternità con i Servi di S. Maria e con amici.

Le sorelle vivono la “sequela” del Signore attraverso la professione dei consigli evangelici e rimanendo impegnate nelle attività professionali, nelle Chiese locali e nel sociale. Inoltre alcune hanno compiti di coordinamento nella Famiglia dei Servi e negli Istituti Secolari.